Dal legame tra scultore e fonditore nasce l’idea che la fusione a "cera persa" rappresenta un’arte alla quale lo scultore si affida per meglio ottenere il significato espressivo che vuole comunicare con la sua opera.

 

Il Rinascimento ci ha lasciato un patrimonio incommensurabile di opere d’arte, tutte o quasi, votate a rappresentare la storia e i fatti del Cristianesimo. In Fracaro iniziò così l’attività di fusione dei paramenti sacri con una classica fonderia in sabbia, dove si ricavavano fusioni semplici e “bidimensionali”.
Col passare degli anni fu chiaro che questo tipo di fonderia era deficitario: mancava la possibilità di produrre l’oggetto tridimensionale, “la Statua”. La fusione con il sistema detto a “cera persa” rappresentava la giusta evoluzione dell’ azienda e incasellava il tassello mancante per essere una fonderia artistica nella sua completezza.
Erano ancora gli anni della ricostruzione e il lavoro era un’espressione artigianale, cosa che ben si adattava alla caratteristica del processo produttivo e alla tipologia collaborativa con lo scultore-modellista.

E’ da questo stretto legame tra scultore e fonditore che nasce l’idea che questo tipo di fusione rappresenta essa stessa un’arte alla quale lo scultore si affida per meglio ottenere il significato espressivo che vuole comunicare con la sua opera.


Scopri le nostre realizzazioni
 

From the bond between sculptor and smelter comes to the idea that the “lost wax” casting technique represents art in which the sculptor relies on better obtaining the expressive meaning he wants to transmit with his work.

The Renaissance brought us an immeasurable heritage of works of art. All of them or nearly, are devoted to representing Christianity. Fracaro began the activity of casting sacred vestments with a classic sand foundry. It produced simple and “two-dimensional” castings.
Over the years this kind of foundry was clearly insufficient: it lacked the possibility to produce three-dimensional objects, “the Statue”. Fusion with the so-called “lost wax” technique represented the right evolution for the company to be an artistic foundry as a whole. These were the years of reconstruction and working was an artisan expression. Therefore, well suited to the characteristic of the production process and the collaboration with the sculptor-modelist.

From the strong bond between sculptor and foundry, comes the idea that this casting represents a form of art. And the sculptor relies on it to create the expressive meaning that he wants to convey.